1
1

Radioamatore

Chi sono i radioamatori

IQ2LS - ARI Lissone Il Radioamatore è una persona che, debitamente autorizzata, si interessa di radiotecnica e partecipa al servizio di radiocomunicazione detto d’amatore. In realtà il radio operatore è una persona come tante che segue un hobby quello della radio. Questo hobby viene vissuto in vari modi che vanno dalla continua sperimentazione, modifica e costruzione di apparecchiature che riguardano le radio, le antenne, i computer e tutto ciò che ci gravita attorno, fino alla passione per il collegamento radio il più lontano possibile con un altro radioamatore magari dall’altra parte del mondo. Ci sono tante attività divertenti che si possono andare a fare, come Contest (gare) di tutti i tipi seguiti da diplomi per i più meritevoli e attività in montagna andando alla caccia delle cime più alte per ottenerne l’attivazione. Molti si chiederanno: Ma cosa dici alla radio che ora abbiamo il telefonino? ebbene l’arte dell’essere radioamatore non è semplice, per fare un collegamento bisogna controllare tanti parametri e condizioni atmosferiche che possono essere più o meno favorevoli; il collegamento e il parlare alla radio è solo frutto di un’ampia preparazione precedente, in poche parole nel momento del collegamento se si vuole essere rapidi e concisi basta comunicare qualche dato di ricezione, e il gioco è fatto! si mette nel Logbook e si attende l’arrivo della QSL la cartolina spedita reciprocamente dai due interlocutori per confermare il collegamento. Il radioamatore può fare questo e altro, per esempio se c'è una calamità naturale, le telecomunicazioni in una località divengono carenti. E' possibile cosi creare delle reti di radiocomunicazioni alternative di emergenza che sono in grado di sostituire il sistema pubblico di telecomunicazioni.

Per diventare radioamatore non basta però avere la passione per la radio occorre avere una patente che viene rilasciata a seguito di esame da parte del Ministero dello Sviluppo Economico (Milano), è forse la parte più difficile da superare in quanto si deve superare un modico esame a risposta multipla su argomenti che riguardano l’elettronica, la radiotecnica e tutta la normativa che regola tale servizio. In molte città ci si può affiancare a dei corsi organizzati dalle sezioni A.R.I. (Associazione Radioamatori Italiani) che garantiscono con ottima probabilità il superamento dell’esame. Ottenuta la patente si fa richiesta al Ministero dello Sviluppo Economico (Roma) per il rilascio del nominativo, una sigla univoca che ti identifica nel mondo radioamatoriale e che dovrai utilizzare per trasmettere alla radio, per esempio, il mio è IZ2ZOT. Quando si è in possesso del nominativo va infine richiesta l’Autorizzazione Generale a trasmettere ottenuta la quale si può quindi cominciare a far uso della radio.


Filmato esplicativo (RAI):
Filmato d'epoca:
1